Uno dei problemi che affliggono di più le nostre case, soprattutto quelle di recente costruzione è la condensa sui muri. Vedere quelle macchie nere sulle pareti di casa, ci fa amare di meno la casa stessa. Si tenta sempre di pulirle con la candeggina, che sembra un rimedio efficace, ma dura solo qualche settimana. Come fare ad eliminare la condensa sui muri? Esiste un metodo realmente risolutivo?

La risposta è si, si può. In questo post  voglio solo accennare a come si forma la condensa, da cosa è dovuto eccetera, e voglio darvi dei consigli su come eliminare la condensa sui muri una volta per sempre. Iniziamo.

La condensa è un fungo che si forma dentro casa, soprattutto negli angoli, quando la differenza fra la temperatura interna ed esterna è troppo accentuata e soprattutto quando la nostra casa è poco arieggiata e/o isolata male. In genere si forma negli angoli in alto del nostro appartamento dove la temperatura è più bassa e nelle pareti esposte verso nord.

Il classico intervento che tentano di fare tutti, ma con scarsi risultati, è quello di strofinare le zone colpite con una spugna e della candeggina. Questa è una soluzione temporanea ma non duratura. Le soluzioni quasi definitive sono diverse, analizziamole.

Esistono delle vernici speciali trasparenti che sono composte da additivi antimuffa. Questa è una soluzione ottimale che sicuramente ci farà dimenticare la muffa per parecchio tempo. Questi prodotti sono in vendita presso i migliori negozi di vernici e prodotti isolanti.

Prima di applicare questo prodotto togliamo la muffa con un pò di candeggina e poi strofiniamo bene l’angolo colpito con un pezzo di carta vetrata. Fatto questo passiamo con il pennello il prodotto. Poi arieggiamo i locali. Il bello di queste vernici speciali e che subito dopo possiamo ritinteggiare la nostra stanza con il colore che vogliamo senza problemi. Arieggiare le stanze di casa ogni giorno è di fondamentale importanza per prevenire il riformarsi della condensa.

Se il nostro problema è più grave, allora dobbiamo intervenire in maniera più radicale. Prima di tutto conviene rimuovere parte dell’intonaco nella zona colpita. Ripristiniamo l’intonaco usandone un tipo antimuffa. Per l’appunto esistono anche intonaci antimuffa, che resistono meglio in queste situazioni. Fatto questo passiamo sempre la nostra vernice trasparente antimuffa e poi la vernice normale.

Se invece il nostro caso è irrecuperabile, allora dobbiamo operare così : eliminare il più possibile la muffa con la candeggina, tinteggiare con il prodotto trasparente antimuffa e poi ricoprire la parete o le pareti particolarmente danneggiate, con dei panneli chiamati calibel. Sono dei pannelli dello spessore di 4 centimetri, formati da una parte di cartongesso e un’altra di un materiale isolante e coibente. Andremo a perdere un pò di spazio nella stanza, ma ripeto  questa soluzione deve essere attuata solo in casi veramente disperati.